visite convenzionate SSN


visite conv. Enti Mutuo


visite private

Orario Accettazione

mattino da Lunedì a Venerdì dalle ore 09:30 alle ore 12:30

pomeriggio da Lunedì a Venerdì dalle ore 14:30 alle ore 18:30

prenotazione

La nostra struttura

Presso il poliambulatorio vengono svolte indagini mediche su più branche specialistiche che sono: cardiologia, chirurgia vascolare, pneumologia, nefrologia, neurologia e diagnostica per immagini

scopri di più

Ecocardiocolordoppler

Che cos'è

L’ecografia è un esame diagnostico che utilizza gli Ultrasuoni (onde sonore ad alta frequenza che non possono essere udite dall’orecchio umano) tali onde sono riflesse e deviate dalle varie strutture del corpo umano e tali modificazioni delle onde, interpretate da calcolatori, permettono di visualizzate su un monitor televisivo le strutture in studio. Gli ultrasuoni utilizzano lo stesso principio utilizzato dai sonar dei sottomarini, o dalle barche da pesca per la ricerca dei branchi di pesci, e dai pipistrelli per cercare gli insetti. L’esame ecografico da immagini istantanee e permette di visualizzare anche il movimento degli organi (anche per i movimenti veloci del cuore), o studiare il movimento dei muscoli e dei tendini. Con alcune macchine sono possibili anche esami Doppler e ColorDoppler, tali esami permettono di vedere il movimento del sangue nei vasi, arteriosi e venosi, e di studiare quanto sangue giunge ad una struttura od organo (esempio rene, fegato, tiroide, ecc.), o ad una loro parte malata. L’ecografo è formato da una consolle con monitor televisivo e tastiera, un calcolatore ed una sonda collegata all’apparecchio con un cavo, nel quale non scorre elettricità, la sonda è un piccolo oggetto, collegato al cavo di dimensioni e forma variabile, secondo la sede da esaminare, ma in genere più piccolo di una saponetta con aspetto di un pennello a spatola o di un microfono. Con i livelli di ultrasuoni utilizzati per la diagnosi non si sono dimostrati danni alle persone, diversamente da quanto avviene con i raggi X. E' possibile anche l'esecuzione di esami ecografici con contrasto, con la somministrazione di contrasto particolari( bolle di gas stabilizzate) per via endovenosa. Tali contrasti non provocano allergie ne danni.


perché si fa

Le indicazioni dello studio con ultrasuoni sono numerosissime e riguardano oltre allo studio della gravidanza, lo studio dell’addome per malattie del fegato, calcoli della colecisti o dei reni, malattie della vescica, inoltre può essere usato nello studio dei vasi superficiali (varici, arteriopatie), e profondi (aneurismi dell’aorta, cuore), anche i tessuti muscolari, articolari, la mammella e la tiroide possono essere studiati con l’ecografia. Le onde degli ultrasuoni non possono oltrepassare l’aria e l’osso, quindi gli esami ecografici non possono essere effettuati se tra la sonda ecografica e gli organi da esaminare vi è in mezzo dell’aria o delle strutture ossee o un apparecchio gessato o una benda, in cui vi è per forza dell’aria, anche gli abiti devono essere tolti per lo stesso motivo.


Prima dell'esame

In tutti i casi è necessario portare gli esami precedenti, le immagini non solo i referti Per lo studio degli organi superficiali (tiroide, muscoli, mammelle, articolazioni) non è necessaria nessuna preparazione, tranne togliere gli indumenti, e gli eventuali bendaggi o gessi. Per lo studio dell’addome superiore è necessario il digiuno per lo meno da 6 ore ed è consigliabile, per ridurre il gas a livello dello stomaco e dell’intestino prendere degli antigas (Dicalmir, Silisan, Nogas, Carbone vegetale) per i due giorni precedenti l’esame. Nei casi di pazienti stitici è consigliabile un clistere di pulizia per eliminare le feci, che contenendo aria disturberebbero l’esecuzione dell’esame. Per lo studio dell’addome inferiore (vescica, prostata, utero, ovaie) è necessario che la vescica sia ben piena, l’esame, infatti, è possibile perché gli ultrasuoni riescono a passare attraverso l’urina della vescica distesa e non attraverso il gas dell’intestino, per tale motivo è necessario che la vescica sia piena da 5/6 ore, oppure che fino a mezz’ora prima dell’esame si beva più di un litro di acqua non gasata o di altri liquidi non gasati.


Come si svolge

L’esame non è né doloroso né fastidioso. Il medico che svolge l’esame, dopo aver disteso il paziente su un lettino ed aver fatto denudare la parte da esaminare, spalma un gel denso, che dà una lieve sensazione di freddo, sulla pelle nella regione da esaminare, per eliminare completamente le bolle d'aria, e appoggia la sonda, facendo una certa pressione, e muovendola vede le immagini delle strutture od organi, riprodotte su un monitor; alcune delle immagini saranno poi fotografate. Al paziente verrà chiesto di non muoversi e nel caso di studio della parte alta dell’addome (fegato, colecisti, milza, reni) verrà chiesto di trattenere il respiro, per alcuni secondi, in modo da allontanare il gas intestinale, e per ottenere delle immagini ferme, per questo è richiesta una certa collaborazione del paziente. Nel caso di esame della prostata per via transrettale o dell’utero e delle ovaie per via transvaginale, una speciale sonda di forma allungata, ricoperta da un guanto di gomma e di gel, verrà posta nel retto o nella vagina per poter studiare meglio le eventuali malattie di tali organi La durata dell’esame ecografico, dipende dal numero di strutture da esaminare, ma varia tra pochi minuti e mezz’ora, gli esami più lunghi si hanno nello studio di patologie complesse come per la stenosi delle arterie renali. Nel caso si utilizzi del mezzo di contrasto ecografico questo verrà somministrato per via endovenosa, l'uso del contrasto è per ora ancora sperimentale.

Dopo l’esame

Terminato l’esame non è necessaria nessuna precauzione, il paziente può riprendere le sue normali abitudini.

Quando non si può fare

L’indagine non si può fare nel caso di pazienti assolutamente non collaboranti, nel caso di apparecchi gessati o di bendaggi che non si possono togliere, e per lo studio dell'addome se vi è una quantità eccessiva di gas intestinale l’esame avrà dei risultati molto incompleti, se nello studio dell’addome inferiore la vescica è poco piena, l’esame è impossibile.